PARROCCHIA REGINA PACIS

VIA IX GENNAIO

41122  MODENA

 

· Orario Liturgie

· Caritas

· Circolo

· Pastorale

· GRUppo FAmiglie (GRUFA) 

· Gruppo Giovani

· Scout

· Anziani è Bello

· Eventi

· Nuova Chiesa

· Missioni

· Attività Sportive

· Catechismo

· Centro estivo

· Coro

· I Sacramenti

· Orario delle messe a Modena

· Sagra

· Richiesta di colloquio Personale !

·  

UN PO' DI STORIA

 

Risalgono già al 10 aprile 1987 i primi contatti tra Parrocchia e Comune di Modena per verificare la possibilità di inserire nel programmi urbanistici di Modena Est il completamento del primo edificio religioso costruito negli anni precedenti.

II primo stralcio di questo programma viene realizzato negli anni 1999/2001 (Concessione edilizia 1426/99 del 03/09/1999 e Convenzione tra Comune di Modena e Parrocchia del 22/03/2000), con la costruzione delle nuove opere parrocchiali.

Come previsto dalla citata Convenzione it secondo stralcio prevede la costruzione della nuova chiesa.

Dalla Diocesi di Modena ci è stato comunicato per l'anno 2013 l'accesso al finanziamenti previsti per l'edilizia di culto dalla CEI (Conferenza Episcopale Italiana).

Dopo ampio confronto all'interno della comunità parrocchiale, ci siamo orientati a costruire la nuova chiesa non più là dove indicato nel piano particolareggiato "Area per servizi via 9 gennaio 1950", ma in sostituzione dell'attuale capannone provvisorio, recuperando dall'adiacente zona sportiva lo spazio necessario per rispettare i parametri richiesti dalla CEI.

Le motivazioni che ci hanno portato a questo orientamento dipendono in prima battuta dal tempo intercorso fra le valutazioni possibili nel 1991 e quelle più opportune oggi. In questi 23 anni sono cambiate le valutazioni relative al significato e alto stile della presenza di una comunità parrocchiale nel contesto del quartiere, alle disponibilità economiche, all'apporto del volontariato, più orientato ai servizi alla persona che non alla gestione delle strutture.

E' cambiato radicalmente anche il contesto nel quale allora era stata pensata la posizione della nuova chiesa, con una serie di strutture/presenze che volevano far diventare la piazza adiacente come un centro di aggregazione del quartiere, e che, per vari motivi, non sono state realizzate.

Nella costruzione delle opere parrocchiali ci siamo orientati a un contenimento dei volumi, per una scelta di sobrietà più consona al contesto urbanistico circostante, alto "stile" della presenza, e a una più attenta valutazione dei costi di gestione.

Dopo quasi 30 anni di presenza in loco, si ritiene dispersiva l'ipotesi dell'edificio chiesa come ulteriore prolungamento degli edifici già costruiti, e di conseguenza dispersiva per le vane attività e i momenti di vita della comunità. Si valuta invece in modo molto positivo la possibilità di far coincidere quello che sarà il sagrato della nuova chiesa con il luogo di passaggio e di accoglienza anche di tutte le altre realtà e attività.

Nel tempo la crescita della "struttura parrocchiale" si è organizzata intorno alla Chiesa esistente ed in funzione di essa, facendole inevitabilmente assumere il ruolo di elemento ordinatore, dal punto di vista insediativo e morfologico, delle successive evoluzioni e quindi collocandosi in un percorso di trasformazione parzialmente tracciato. L'attuale edificio/capannone resterebbe comunque un problema di carattere urbanistico, per la tipologia di costruzione e per l'orientamento disomogeneo rispetto agli edifici circostanti, e un problema per la manutenzione, visto il veloce degrado delle strutture portanti e delle capriate prefabbricate, al quale comunque dovremmo mettere mano al più presto.

La scelta porta automaticamente al ripensamento dell'adiacente campo di calcio, che non ha le misure regolamentari. Verrà sostituito con attrezzature sportive più facili da utilizzare anche da piccoli gruppi non organizzati di ragazzi e giovani del quartiere, che già adesso usano i campi esistenti.

II progetto è stato elaborato, in dialogo con la Commissione parrocchiale per la nuova chiesa, dall'Architetto Paolo Sorzia, coadiuvato dall'Arch. Donata Morselli, con incarico affidato già nel 1992 da p. Onorio Matti.

I primi elaborati sono stati inviati il 09 gennaio u.s. all'apposito ufficio della CEI, insieme alla documentazione richiesta, per un parere che speriamo già definitivo, al quale seguirà la comunicazione dell'importo del finanziamento (proveniente dai Fondi per l'edilizia di culto costituiti con parte dell' 8 x mille).

Se questi tempi saranno solleciti, si può prevedere l'apertura del cantiere già verso fine anno.

 

Alcune informazioni riguardo alla Nuova Chiesa:

 

Carissimi quest’anno abbiamo visto crescere la nuova chiesa, ormai si comincia a capire meglio come sarà,.. ancora un annetto di pazienza e speriamo di poterla utilizzare per il Natale 2018. Vorrei ringraziare tutti voi per la generosità che state dimostrando nel contribuire alla sua costruzione. Un grazie particolare va alla “Commissione Nuova Chiesa” e al “Consiglio affari economici” della parrocchia che seguono i lavori con attenzione e competenza e cercano di fare le scelte più appropriate come se si trattasse di casa propria (ma effettivamente è così…)

 

Se qualcuno volesse ancora contribuire ecco alcune possibilità:

 

1)        Prestiti non onerosi alla Parrocchia

          

Si tratta di prestiti (senza interessi) che privati fanno alla parrocchia per sostenere il costo della costruzione. Hanno scadenza libera, secondo l’indicazione di colui che fa il prestito. Se ne può richiedere la restituzione parziale o totale in qualsiasi momento. E’ una forma di carità che non costa nulla: ciascuno potrà riprendere i propri risparmi quando vorrà. In pratica, alla fine si potrà costatare di aver dato un prezioso contributo a costo zero. Invece di destinare i risparmi in investimenti che danno rendimenti bassi, vi proponiamo di investire una certa somma per un’opera di alto valore sociale e religioso. Vi chiediamo di investire sulla vostra comunità (facendole risparmiare pesanti oneri bancari). Per garantire la riservatezza questi prestiti vengono gestiti direttamente col parroco.

 

2)        Iniziativa “ADOTTA LA CHIESA”.

 

Si può scegliere di versare mensilmente una quota (secondo le  proprie possibilità). Tali quote verranno raccolte ogni seconda domenica del mese dopo le SS. Messe a partire da Aprile.

3)        ACQUISTO DI BANCHI o di un’OPERA D’ARTE

 

Si possono acquistare i banchi sono di diverse grandezze (dai 2,5 m in su) al costo di 250 € al metro ( se ne può acquistare anche un solo metro).

Per le opere d’arte stiamo aspettando i preventivi definitivi

 

4)        Offerte Libere

 

c.c  n. 1894573 c/o BPER Ag. 15 di via Indipendenza

(IBAN IT80P 05387 12910 000001894573)

 

NB! Sono deducibili le erogazioni liberali per un ammontare non superiore al 2% del reddito d’impresa dichiarato. (Per queste la Parrocchia rilascia regolare ricevuta)

 

26 03 2017

16 04 2017

16 06 2017

10 02 2018